Voi siete qui:

Politica d'investimento sostenibile della CPGR

 

La sostenibilità degli investimenti delle Casse pensioni momentaneamente è molto discussa nei mass media.
Con "investimenti sostenibili" in generale s'intende il perseguimento di una strategia d'investimento che si
limita a strumenti e prodotti d'investimento rispettivamente  imprese, che hanno riguardo per la natura,
l'ambiente e la società.  Non esiste una definizione universale concernente il termine "investimento soste-
nibile". Pure le disposizioni in materia d'investimento del diritto federale non contengono direttive in merito.
Tuttavia sempre più Casse pensioni oggigiorno si impegnano, anche senza direttive legislative, ad orientare i
loro investimenti sui criteri di sostenibilità.   

 

La CPGR ha presto riconosciuto e percepito la sua responsabilità per quanto concerne investimenti sostenibili
e compatibili con il clima. Ciò è successo e succede tuttora soprattutto nel portafoglio degli immobili, gestito
dalla cassa stessa. Da oltre 10 anni la CPGR costruisce esclusivamente con lo standard Minergie o Minergie
P: da una parte usando il rinforzato isolamento dell'involucro degli edifici e dall'altra parte i sistemi di riscalda-
mento avveniristici. Gli impianti fotovoltaici installati sul tetto di solito sono inclusi. La CPGR dispone di case
plurifamiliari a Zernez, Igis, Felsberg, Pontresina, Thusis, Malans e Coira (diverse posizioni), le quali presen-
tano al minimo lo standard Minergie. Con questa dichiarazione di costruzione ottimizzata dal punto di vista
energetico la CPGR da anni dà un contributo importante a investimenti sostenibili e compatibili con il clima.
Tutti questi stabili fanno completamente a meno di combustibili fossili.

                                                                                

Un catalogo in parte completo con criteri di sostenibilità è usato pure dalle fondazioni d'investimento immo-
biliari, dalle quali la CPGR è investita indirettamente in beni immobili. Anche le costruzioni nuove e le ristruttu-
razioni vanno effettuate in gran parte tramite un metodo di costruzione giustificabile ecologicamente e ener-
geticamente.

 

Per quanto concerne gli investimenti in obbligazioni e in azioni dal punto di vista della CPGR è nettamente più
difficile fare un riferimento tra gli investimenti patrimoniali e i criteri di sostenibilità. Attualmente la CPGR esa-
mina l'integrazione di una politica d'investimento sostenibile anche per gli investimenti di titoli, senza che le
prospettive di guadagno sul patrimonio vengano diminuite.

 

A tutti gli sforzi di investire il patrimonio previdenziale in modo ecologico e socialmente sostenibile, la CPGR
non perderà di vista l'obiettivo legale finale, cioè gestire il patrimonio in tal modo che in caso di distribuzione
ragionevole dei rischi, possa essere raggiunto un reddito conforme alle condizioni di mercato.

 

Per maggiori informazioni si rimanda alla risposta del Governo all'interpellanza Deplazes del Gran Consiglio,
sessione di febbraio 2018. È pubblicata sulla homepage della CPGR.