skip to Main Content
Performance (ytd) 2,8 %      Deckungsgrad 119,5 %      Stand: 30.04.2024 Performance (ytd) 2,8 %    grado di copertura 119,5 %     Stato: 30.04.2024

Investimenti patrimoniali

Strategia di investimento

La CPGR attua una strategia d’investimento a lungo termine ottimizzata per il rischio.

La strategia d’investimento viene adattata periodicamente alla situazione dell’istituto di previdenza e delle casse di previdenza affiliate nell’ambito di uno studio completo di asset liability management (studio ALM). Importanti fattori di influenza sono le esigenze di finanziamento derivanti dal regolamento della cassa pensioni e dalla struttura degli assicurati, la capacità di rischio e la tolleranza al rischio.

L’attuale strategia di investimento si basa sullo studio ALM 2021. Nel 2023, il commissione amministrativa ha rivisto la strategia di investimento e l’ha confermata invariata.

Categoria di investimentoStruttura patrimoniale al
31.03.2024
(Mio.CHF)
Struttura patrimoniale al
31.03.2024
(%)
Ponderazione
neutra
(%)
Minima
(%)
Massima
(%)
Liquidità284,87,62010
Obbligazioni CHF725,819,3201624
Prestiti aziendali in EUR167,24,4537
Ipoteche134,73,6426
Azioni Svizzera254,76,8759
Azioni mercato ex Svizzera915,524,3231828
Azioni mercato emergenti136,63,6426
Immobili Svizzera966,925,7302535
Infrastruttura175,04,7527
Totale3761,2100,0100
Totale valuta estera141,43,8426

Performance

Investendo in linea con il mercato e in linea con i rischi, l’obiettivo è quello di ottenere una crescita del patrimonio a lungo termine in modo che gli assicurati ricevano un rendimento interessante sui loro risparmi.

Il totale delle attività si è sviluppato come segue fino al 31 marzo 2024:

 

 

Categoria d'investimento1. trimestre2. trimestre3. trimestre4. trimestre2024
Liquidità0,34%0,34%
Obbligazioni CHF0,65%0,65%
Prestiti aziendali in EUR-0,25%-0,25%
Ipoteche0,46%0,46%
Azioni9,28%9,28%
Immobili Svizzera0,82%0,82%
Infrastruttura1,74%1,74%
Totale3,51%3,51%

Rendimeto annuale patrimonnio complessivo

AnnoRendimento
20237.9%
2022-7.7%
20218.3 %
20206.4 %
20199.2 %
2018-0.8 %
20177.0 %
20163.6 %
20151.2 %

Sostenibilità

Come investitore di oltre 3,6 miliardi di franchi svizzeri, abbiamo una grande responsabilità etica, ambientale e sociale. Adempiamo al nostro dovere fiduciario di cura e prendiamo in considerazione tutti i rischi del portafoglio quando prendiamo decisioni di investimento, compresi quelli dei fattori di influenza non finanziari (i cosiddetti criteri ESG): E=Environment/ambiente; S=Social/sociale; G=Governance/governo d’impresa). Il cambiamento climatico fa parte dei rischi ESG.

C’è soprattutto una responsabilità finanziaria nei confronti degli assicurati. Pur limitando opportunamente i rischi, ci sforziamo di ottenere un rendimento che ci permetta di proteggere in modo sostenibile gli assicurati e i beneficiari di rendite dalle conseguenze economiche della vecchiaia, dell’invalidità e del decesso. Questo è il nostro mandato legale. Includiamo i criteri ESG nelle nostre attività d’investimento senza compromettere gli obiettivi della pensione. A tal fine, la Commissione amministrativa nel 2021 ha adottato i seguenti principi di sostenibilità e li ha ancorati nei regolamenti di investimento:

  1. Dialogo con le aziende: La CPGR partecipa al dialogo con le imprese con l’obiettivo di impegnarle nella buona governance e nella sensibilizzazione alla responsabilità ambientale e sociale.
  2. Esercizio dei diritti degli azionisti: La CPGR esercita il proprio diritto di voto in qualità di azionista ai sensi dell’art. 71 a LPP.
  3. Processo di investimento: La CPGR applica la sostenibilità in tutto il processo di investimento e dà la preferenza agli investimenti effettuati secondo sistemi di rating di sostenibilità riconosciuti.
  4. Esclusione delle armi controverse: La CPGR esclude gli investimenti in armi controverse.
  5. Investimenti immobiliari diretti: La CPGR sostiene attivamente una politica climatica sostenibile attraverso una strategia immobiliare sostenibile.
  6. Revisione e reporting: La CPGR esamina periodicamente i suoi investimenti per quanto riguarda la conformità con gli standard di sostenibilità riconosciuti e riporta i risultati “internamente” ed “esternamente”.

Dialogo con le aziende

Siamo membri della Fondazione Ethos e dei due Engagement Pool Svizzera e International. Questo ci permette di unire le forze con altre istituzioni per ottenere il massimo impatto possibile come azionista nel dialogo con le principali società quotate in Svizzera e all’estero.

Clicca qui per il breve resoconto dell’Ethos Engagement Pool Svizzera.

Clicca qui per il breve resoconto dell’Ethos Engagement Pool International.

Esercizio dei diritti degli azionisti

In termini di azioni, siamo investiti esclusivamente in investimenti collettivi. Alla PFGR non è concesso alcun diritto di azionista. Nei fondi azionari, tuttavia, i diritti di voto sono sistematicamente esercitati dai gestori patrimoniali incaricati secondo regole volte a tutelare gli azionisti di minoranza, a evitare conflitti di interesse e a rafforzare l’indipendenza del massimo organo di controllo interno (regole di voto «best-in-class»).

Clicca qui per il Stewardship Report del Credit Suisse (da pagina 85), che gestisce i fondi azionari indicizzati della CPGR.

Processo di investimento

Oltre il 95% delle azioni estere sono investite in veicoli che seguono la metodologia dell’indice MSCI ESG Leaders. Questo indice, costruito da MSCI ESG Research, leader mondiale nell’analisi della sostenibilità, mira a includere le società con alte performance di sostenibilità nei singoli settori e a escludere le società con legami con aree di business controverse. All’interno di questo quadro, per esempio, escludiamo le partecipazioni in società con ricavi nel settore dell’energia da carbone termico, petrolio e gas non convenzionali, tabacco, alcol e gioco d’azzardo. Anche le obbligazioni societarie EUR sono selezionate da un universo di investimento di società con la migliore performance di sostenibilità (il cosiddetto «approccio best-in-class», Bloomberg MSCI Euro SRI Index). Questo riduce i rischi climatici nei nostri investimenti e aumenta il loro rating ESG medio.
Attraverso gli investimenti collettivi in infrastrutture, investiamo anche nella produzione di energie rinnovabili (impianti solari, impianti eolici, centrali a legna, reti di riscaldamento, impianti idroelettrici) e diamo così un importante contributo alla riduzione della dipendenza dai combustibili fossili.

Per la gestione professionale degli attivi, diamo mandato a gestori patrimoniali esterni, che selezioniamo, istruiamo e controlliamo attentamente. Nel processo di selezione degli asset manager, teniamo conto anche della loro gestione degli aspetti di sostenibilità.

Esclusione delle armi controverse

Escludiamo gli investimenti di società che sono attive nello sviluppo, produzione, stoccaggio o distribuzione di agenti e armi nucleari, biologici e chimici da guerra, mine antiuomo, munizioni a grappolo, armi laser accecanti, frammenti non rilevabili, armi incendiarie e munizioni all’uranio. Seguiamo la lista di esclusione pubblicata dall’Associazione svizzera per l’investimento responsabile (SVVK), che è diventata lo standard del settore.

Investimenti immobiliari diretti

Gli investimenti immobiliari diretti giocano un ruolo centrale negli sforzi globali di sostenibilità della PFGR. Attraverso una costruzione sostenibile, la CPGR sostiene attivamente una politica climatica sostenibile. Da 15 anni, i nuovi edifici vengono costruiti esclusivamente secondo lo standard Minergie o Minergie-P, che comprende un maggiore isolante degli involucri degli edifici e sistemi di riscaldamento all’avanguardia. La pianificazione delle ristrutturazioni viene effettuata a lungo termine. Gli investimenti ammissibili negli standard energetici o nella generazione di energia innovativa sono continuamente rivisti e, dove possibile, implementati in modo coerente.

La CPGR è membro dello Swiss Sustainable Real Estate Index (SSREI) dal 2023. L’SSREI supporta la PKGR nell’analisi della sostenibilità del suo portafoglio immobiliare in modo standardizzato, affinando così la strategia di sostenibilità già applicata. Gli investimenti nel portafoglio possono così essere calcolati e pianificati con maggiore precisione in futuro.

Revisione e rapporto

Con l’aiuto di UBS Sustainability Analytics, la CPGR confronta regolarmente e in modo standardizzato il proprio portafoglio con i benchmark di riferimento e con i dati degli anni precedenti, utilizzando criteri di sostenibilità riconosciuti. Questa analisi di sostenibilità per gli investimenti azionari e obbligazionari si basa su una rete di diversi fornitori di dati ESG specializzati.

La CPGR informa in modo trasparente i suoi beneficiari e gli stakeholder esterni sull’andamento dei suoi sforzi in ambito «ESG». La rendicontazione sulla sostenibilità è stata integrata nella relazione annuale dal 2018.

Valutazione del clima

L’Alleanza per il Clima Svizzera vede la CPGR tra i pionieri delle casse pensioni di medie dimensioni e le dà il secondo punteggio più alto («verde chiaro» = good practice). Di conseguenza, la CPGR ha già decarbonizzato il suo portafoglio di azioni e obbligazioni secondo i criteri di «Good Practice» dell’Alleanza per il clima.
L’Alleanza svizzera per il clima è un’alleanza di più di 140 organizzazioni della società civile. Ha esaminato le politiche d’investimento di più di 160 casse pensioni, che rappresentano circa tre quarti del volume totale d’investimento delle casse pensioni svizzere di circa 1400 miliardi di franchi. Ogni singola cassa pensioni va valutata utilizzando un sistema a semaforo. Solo il 32 % delle attività d’investimento valutate ha ricevuto la migliore e la seconda migliore valutazione nell’ultima valutazione.

Oltre al rating climatico esistente per gli investimenti di capitale, l’Alleanza per il Clima 2023 ha lanciato anche un rating climatico per il settore immobiliare. L’Alleanza per il Clima attesta l’ambizioso percorso di decarbonizzazione della CPGR e riconosce la strategia di sostenibilità immobiliare della CPGR come un’ottima base per il percorso verso l’obiettivo «Netto pari a zero 2050». Attualmente la CPGR ha ottenuto il terzo punteggio più alto («arancione con potenziale a verde chiaro» = primi passi avviati). Il rating del settore immobiliare è attualmente in fase di sviluppo. A marzo 2023 sono 59 i fondi pensione valutati, di cui solo uno su sei ha un rating « arancione» o superiore.

 

Clicca qui per la valutazione del clima di capitale della CPGR

Clicca qui per la valutazione del clima immobiliare della CPGR